Difesa Personale e Bullismo

Progetto Scuole - Modulo Pilota
Nalboxe in collaborazione con Liceo Carlo Botta

Nalboxe svolge attività di educazione fisica e contrasto al bullismo nelle principali scuole secondarie di secondo grado eporediesi. Ad oggi hanno aderito al progetto il Liceo Classico Botta, il Liceo Scientifico A. Gramsci, L'Istituto d'Istruzione Superiore G. Cena, e l’IIS Camillo Olivetti.

Le attività finora svolte all’interno degli edifici scolastici, hanno ad oggi coinvolto circa 1300 studenti.
Hanno collaborato al progetto il dott. Andrea Montagnini, psicologo terapeuta junghiano, la dott.ssa Alessandra Lunghini, psicologa psicoterapeuta cognitivo comportamentale e gli avvocati Massimo Campanale, Paolo Campanale e Filippo Amoroso.

Le attività sportive e le tecniche di difesa personale vengono impartite come elementi protettivi e preventivi a carattere di contrasto per ogni forma di violenza, avvalendosi altresì del supporto di esperti psicoterapeuti per affrontare al meglio eventuali risvolti emotivi e comportamentali connessi agli episodi di bullismo. Congiuntamente a questo, ci appoggiamo ai nostri avvocati, per far fronte in modo adeguato agli aspetti legali connessi. Collaborare con tali professionisti specializzati ha consentito di trattare con competenza e completezza tutti gli elementi che concorrono ad affrontare al meglio questa piaga sociale.

Chi?
ASD Nalboxe - Liceo C. Botta - ASI

Cosa?
Corso di formazione difesa personale inserito nell’offerta formativa del Liceo C. Botta

Quando?
Start up modulo pilota: novembre 2018
Durata: AS 2018/2019

Dove?
Fight Village - Palestra Nalboxe in via V. Arborio (ex seminario) concessa dalla Curia all’associazione sportiva

Perché?
E’ nostro obiettivo mettere a disposizione delle istituzioni scolastiche del territorio questo strumento e di diffonderlo a livello nazionale

 

Cos’è il ‘Bullismo’?

Trova origine nel verbo «to mob» e significa accerchiare, attaccare, aggredire. …La definizione di bullismo si richiama all’inglese bullying, indica cioè la messa in atto di una serie di episodi di reiterata, squilibrata e intenzionale prevaricazione…per la maggior parte in contesti di gruppo o di branco…(cit. Treccani)

 

Perché difesa personale contro il bullismo?

Lo sport per antonomasia è da considerarsi preventivo contro le varie forme di prevaricazione e bullismo. Svolge un’azione benefica sulla qualità delle relazioni sociali favorendo la nascita  di relazioni funzionali tra gli individui


Benefici "difesa personale":
Consapevolezza
Migliorare le capacità propriocettive
Canalizzare la rabbia
Autostima
Rispetto

 

In cosa consiste?


Si tratta di un corso di formazione inserito nell’offerta formativa dal liceo Carlo Botta per l’anno scolastico in corso. Ha carattere preventivo ed utilizza come strumento le attività sportive e le tecniche di difesa personale per contrastare ogni forma di prevaricazione e violenza.

Istituzioni coinvolte


Fabrizio Nalbone tecnico sportivo dell’ASD Nalboxe
Ideatore del progetto scuole e promotore di un approccio proattivo nella lotta contro il bullismo, mostra particolare interesse e sensibilità in riferimento ai temi di relazione ed inclusione sociale tra adolescenti.

Curia Vescovile di Ivrea
Aderisce al progetto mettendo a disposizione i locali della vecchia palestra dell'ex seminario.

Liceo Classico C. Botta  prof.ssa Lucia Mongiano
Convinta della bontà del progetto scuole, la professoressa Mongiano abbraccia l’idea legata al nostro progetto, fornendo il supporto necessario per dare il via allo start up di un primo modulo pilota all’interno del suo Istituto Scolastico.

ASI
Dott. Fabio Caiazzo
Dirigente Nazionale ASI, che affiancherà ASD Nalboxe per tutta la durata del progetto per poter garantire la sua estensione su tutto il territorio nazionale.

 

 

I nostri docenti

Tecnico Sportivo
Fabrizio Nalbone
Lezioni teorico/pratiche di difesa personale

Avvocati
Massimo Campanale, Paolo Campanale e Filippo Amoroso
Programmati opportuni interventi finalizzati all’analisi legale del fenomeno del bullismo

Psicologi e Psicoterapeuti
Dottor Andrea Montagnini e dott.ssa Alessandra Lunghini
Affronteranno il tema della prevaricazione sotto il profilo psicologico

 

A chi si rivolge?


Il progetto è dedicato ai ragazzi nelle scuole.
Il progetto pilota si svilupperà al Liceo C. Botta.
Gradualmente estenderemo tale progetto verso le altre scuole secondarie di secondo grado, quali l’IIS G. Cena, il liceo scientifico A. Gramsci e l’istituto tecnico IIS C. Olivetti con i quali abbiamo già pianificato una prima parte di incontri.


Il programma di formazione coinvolgerà:

Docenti
Obiettivo: favorire una diffusione capillare del progetto

Studenti
Obiettivo: fornire ai ragazzi una serie di strumenti necessari alla formazione del carattere e della personalità